Il segretario personale del re

17, febbraio 2013  |  Ancona  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

Tutta ‘sta storia comincia a febbraio/marzo del 2011. Se presenta al ristorante indo’ fadigo Francesco Nagni, deus ex machina, dell’ Associazio’ Culturale il Vecchio Faro e me fa: “Rana stamme a senti’, el 17 de aprile allo Sperimentale c’ è un incontro dal tema la https://www.viagrasansordonnancefr.com/viagra-cialis/ gente de Ancona e l’ Unità d’ Italia. Me ce devi assolutamente veni’!” Je fago: “Scì”, anche perchè era impossibile dije de no, “ma el problema è: COSA FAGO? Io so’ racconta’ solo le barzellette!” e France’: “Te fa quello che te pare”. Eh, se fa presto a di’ te fa quello che te pare, però vedremo, qualco’ inventeremo. (Il tutto mentre careggiavo piatti de tajatelle e cuniji in purchetta).

Va be’ ‘ndamo avanti. Per qualche giorno nun ce penzo per gnente, come sempre, po’ quando ce incomincio a penza’ non me venisse in mente ‘na mezza idea, come sempre. Allora guarda un po’ che mentre ne parlo con mi’ moje questa me fa: “C’ ho ‘n’ idea! Siccome intel 1860 el re è venuto proprio a Ancona per la vittoria de la battaja de Castelfidardo per po’ prusegui’ fino a incontra’ Garibaldi a Teano, poi fa’ una roba del genere.” – “??????” fago io. “Ade’ te spiego me dice la studiosa de casa. Siccome inte’ ‘sto viaggio, dopo Ancona, el re prosegue fino a Grottammare e siccome je piace pure parecchio la f…. , ehm le belle fiole e siccome intel libro che sto a scrive (101 storie sulle Marche che non ti hanno mai raccontato) c’ è un capitolo dedicato a ‘sta storia, te la potresti adatta’ in Ancuneta’ e la poi racconta’ a modo tuo.” Ave’ capito el genio? Detto e fatto. Pio el capitolo, lo leggio, lo Ancunetanizzo……

e lo racconto dalla parte del segretario personale del re che a un certo momento un giorno se vede arriva’ el re che je chiede de organizzaje un viaggio in carozza alla volta de Ancona per anda’ a fa’ le onorificienze militari de rito ai generali Cialdini e Fanti. E continuando appunto fino all’ arrivo a Grottammare dove ha inizio la sua rocambolesca storia amorosa con Artemisia figlia di un impiegato governativo

che si presenta al re con la “supplica” di uno scatto di carriera. Ora io devo a France’ un ringraziamento particolare per avermi permesso di calcare per 10 minuti da prutagonista el palcoscenico dello Sperimentale. Teatro storico, e per un lungo periodo unico, Ancunetano a appena 300 m. da indo’ ho abitato da fiòlo fino a 31 anni. Che suddisfazio’!

Io e Carlo Ceccati, padre del compagno mio de scola Giovanni

E a mia moglie Marina che co’ ‘sta genialata non solo m’ ha permesso de levamme delle grosse castagne dal fògo, ma anche de fa’ diverti’ tutti quelli che m’ enne stati a senti’. A ‘sto punto non me rimane che collegavve col video che per l’ occasio’ ho preso durante la presentazio’ del libro scritto da mi’ moje al Centro Culturale Pergoli di Falconara M.Ma (Vai al video)

Io e Roy Gianni

IO, Gastone Pietrucci della Macina Marina Minelli l' autrice nonchè mia moglie e Luca Guazzati amico e presentatore

SE RICOMINCIA

10, febbraio 2013  |  Ancona  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

Ve volevo chiede innanzitutto scusa pe’ ‘sta mia lunghissima latitanza ma el 2012 per me non è stata un’ ottima annata. Anzi se per caso facevo el vi’ veniva fòri acetello de sciguro!!

Ade’ però basta coi magoni e partimo a tamburo battente pe’ affronta’ https://www.acheterviagrafr24.com/prix-du-viagra-en-pharmacie/ el 2013 sotto el segno della risata e del divertimento. Difatti per da’ inizio a ‘sta svolta ve volevo ricorda’ che proprio in occasio’ del capodanno che ho festeggiato al Ristorante delle Rose a Marina de Montemarcia’ organizzato da Kruger e con la collaborazio’ de Enrico Filippi’ dj ho contribuito pure io a fa’ diverti’ le 320 persone int’ un ceno’ dal titolo:

NON CI RESTA CHE RIDERE!A ‘sto punto ma pare obbligatorio raccontavve la barzelletta d’ apertura della serata naturalmente a tema col capodanno:

El parroco de un paesello decide el pumeriggio del 31 dicembre de anda’ a fa’ j’ auguri a una vecchiarella, zitella, de 85 anni, che abita da sola poverina. Quindi se presenta sulla porta e sòna. La vecchietta va apri’ e chiede meravigliata el motivo della visita. El parroco je risponde che era suo dovere andare a faje j’ auguri per un nòvo anno. Intel mentre la vecchietta manifesta la sua contentezza abbracciandolo, questo s’ accorge che sopra l’ organo posizionato in fondo alla sala da pranzo ce stava un bicchiere pieno d’ acqua co’ un preservativo che galleggiava!!! El parroco rimane inghiandito ma non dice una parola. La vecchietta intanto prepara un bel te’ coi biscotti e pasticcini, apre un turo’ e se mette a sede inte’ ‘sta sala da pranzo che pareva un santuario e je’ racconta praticamente tutti j’ 85 anni

de vita. El prete naturalmente

la sta a senti’ ma non riesce a schiodasse da qul bicchiere. A ‘na certa ora el

prete saluta e mentre la vecchietta lo ringrazia e l’ abbraccia calorosamente pel pensiero lu’ pia coraggio e dice alla vecchietta che je deve fa ‘na domanda un po’ imbarazzante. La vecchietta non capisce e el parroco je fa: “senta signorina ma me spiega cosa rappresenta qul bicchiere li sopra e soprattutto con qul profilattico immerso?” e lìa: “ah me so’ scordata de https://www.acheterviagrafr24.com/vente-viagra/ raccontajelo. Stavo a passeggia’ intela piazza quando cialis generique scalcio una scatolina, la raccojo, la apro e prix du medicament cialis trovo qula roba!? Leggio le istruzioni che dicene: METTERE SULL’ ORGANO, TENERE BELLO UMIDO, PREVIENE DALLE

MALATTIE. Oh sarà sei mesi che non me pìa manco un raffreddore!!!! :twisted:

‘Na battuta de caccia

24, gennaio 2012  |  Barze, Se Ride  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

 

 

 

Un conte e el suo fattore vanne a fa’ una bella battuta de caccia intela riserva de lu’ (del conte e de chi?). Dopo pogo già non sapevane più indo’ mette i lepri viagra sans ordonnance e i fagiani che avevane preso allora decidene de artorna’ a casa. Entrati intel castello del conte, questo dice al fattore: “Non è che me vieni a da’ na’ ma’ a levamme i stivali? Accompagname in camera”. Appena opre la porta della camera e non te trova la moje (la cuntessa) a gambe per aria intel letto sotto lo stalliere? El fattore fa’ per passaje el fucile chè s’ aspettava ‘na carneficina quando invece el conte pia el fucile, el poggia per tera tipo basto’ e fà: “Fedifraga, concubina. Tremo e fremo di sdegno. Ti lascio madre dei Gracchi e ti ritrovo una volgare Messalina. E tutto il resto che devo dirti mi rimane tutto nella strozza!” Davanti a ‘sta scena el fattore artorna verso casa e diceva tra sè e sè che gran signore era al padro’ suo. Arriva a casetta e mentre chiama la moje per fasse aiuta’ a levasse i stivali pure lu’ e non la trova intel letto sempre a gambe per aria sotto al pegoraro! Capirai! Imbraccia el fucile ma all’ improvviso je vie’ in mente del conte e allora poggia el fucile per tera e je fà: “Fufografa, cuntadina. Treno e freno de legno. Te lascio curnacchia madre de cric e croc e te ritrovo una vulgare da Messina. E tutto el resto che te devo di’ m’ è rimasto tutto qui STRONZA!”

Chi l’ avria mai creso!

9, gennaio 2012  |  Calcio Dorico, Sport  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

 E

 A       Tanto pe’ esse chiari!

Coll’ anno nòvo c’ avemo el primo responzo: el campionato de serie D, per quello che riguarda el giro’ F, s’ è ridotto a 4 squadre che venderanne cara la pelle per qul benedetto primo pustici’: Teramo, Ancona, Citano’ e Samba. Cuscì de staccata la vedo abbastanza brutta pej’ “abruzzesi” però sarà de sciguro tutta da vede’.

Quello che me sta sul gozzo (per non scende in trivialità, che dato el caso, sarebbero molto pesanti anche se già la rimetta ve po’ fa’ spazia’ co’ la fantasia) è che j’ Ancunetani a Sambenedetto non ce putranne anda’.

CHE ROBA BRUTTA:-|

C’ ho delle grosse novità sul mister viste le sue permanenze sugli spalti

dopo essese sgolato a più non posso dalla tribuna ha trovato da organizzasse

insieme coi ragazzi della curva per butta’ su qualche siparietto de tifo tipo vede’ una partita intera co’ un ventilatore superpotentissimo acceso dietro la testa o perchè no, se ce sgappasse el tempo, mascherasse da Ceriago e fasse pure qualche giretto de campo.

Ave’ visto che ade’ tutte le partite del campionato dell’ Ancona se chiamane https://www.acheterviagrafr24.com/acheter-viagra-en-ligne/ derby? Ma volevo di’ che miga è ‘no sbajo, perchè i derby non è solo quelli de do’ squadre della stessa città ma anche tra do’ squadre tradizionalmente rivali tipo (fino a pogo tempo fa) l’Ancona coll’ Ascoli. Anzi sape’ cosa ve digo? Che me pole sta’ pure be’ https://www.viagrasansordonnancefr.com/viagra-cialis/ che anche quello colla Samba je se po’ di’ derby, ma che ade’ chiamamo derby pure quelli co’ la Jesina o La Recanatese o la Citanovese….. . Ma quando mai enne state tradizionali rivali. Allora se l’ Ancona dovesse gioga’ ‘na volta col Valle Mia’ pure quello se chiameria derby? BOH! Eccove qui sotto una foto de un derby

Scuse’ me so’ sbajato, ve volevo mette una foto de un Genoa

Samp e invece v’ ho messo una ragazza dello staff de un Derby Irish pub sui colli Romani. Se po’ capì da indo’ s’ è sistemata pe’ ‘sta naturalissima posa. Ma penso che viagrasansordonnancefr.com nun      v’ ufendere’

Ade’ ve saluto lasciandove sempre col videino commentato dall’ amico Andrea Fiano de e’ TV e scroccato dal sottoscritto per voialtri componenti del fantastico Popolo Biancoroscio.  

Forza Magica Ancona