ANCONA 100 ANNI FA

6, maggio 2013  |  Ancona  |  Nessun Commento  |  Condividi su:
Io lo so che a voialtri ve piace sta seduti su quelle pultrone ma io oggi invece ho deciso, visto che ancora non se stracchi e che ciavrè da digerì la tajatellina del pranzo, de portavve a fa un bel giretto pe’ Ancona. Ma no un giretto qualsiasi. Se me ste’ dietro e de’ spazio alla fantasia ve farò fa un giretto moooooolto particolare dove incontreremo amici nuovi, anzi vecchi……..
Basta co’ le chiacchiere,
PARTIMO!
Sapè com’ è, se viene giù pe’ la discesa dell’ ospedale – via Conca – po’ se va a destra guardando el mare sulla sinistra. Cammina che te cammina e se sente do’ che sgaggiane tra de loro: “matevaiafadantelculo!” Al volo tutti penzamo: me sa che semo ‘rivati a Ancona! Difatti era un pezzettì che camminami e non ce semo accorti che semo ‘rivati ala Palumbela de fronte allo stabilimento della salute, al numero 70 appunto della Palumbela. Qui ai primi del 900 c’ era la cantina de Belucio. E non era difficile a sentì ‘ste parole delicate intela boca della gente che frequentava la cantina, che era un covo de parecchie criche de amichi pronti a fasse i scherzi più feroci!Ancora se ricorda un San Martì dei tempi de la guera d’ Africa quando se cantava: slungheremo lo stivale fino a l’ AfricaF Orientale! A qui tempi ‘na crica aveva cumprato, vivi, cinque galinaci e li teneva int’ un locale voto sopra la cantina pe mazali a tempo giusto e magnasseli pe la cena d’ i cornuti. Fatu sta che quando ene ‘ndati a pijali nun c’ era più manco ‘na penna ma el giorno de San Martì àne avuto un bel sachetì, tutu infiochetato, cun drento j’ ossi dei galinaci beli spelucati!…”
Ave’ preso un bichiere de spuma? che se riparte. Cammina, cammina e ‘rivamo alla staziò. Qui amici miei (maschi) la fortuna c’ ha bagiato perchè ce se para davanti un apparizio’, un simpatigu perzunagio che bazigava giò verso la staziò: se chiamava Maria la Pociona ancora chi nun l’ à conosciuta po’ capì el perchè la chiamavane cuscì!”
Mecomincia a piacè l’ inizio de sta camminata. Allora proseguimo verzo el Pià…
FIGHETO
…. al palazeto Boaro vicino alla farmacia, aprì botega nel 1911 Roberto Antognini, una de le mejo barbierie d’ Ancona. El padre de Roberto, Ferdinando, lavorava a l’ Arsenale e a tempu perzo ciaveva un barachì de buratini a piazza Caure. “Figheto” era el buratino più simpatigo al publico de fioleti a da qui el sopranome che prima è andato a Ferdinando e po’, cum’ è usanza in Ancona, ancora al fiolo Roberto”.
Adè artornamo aj’ Archi indo’ incontramo el
BERZAGLIERE
Giampieri Arturo, “Arturo el pesciarolo”, era meglio conosciuto col soprannome di “Berzagliere” anche se aveva fatto il militare in fanteria! Il popolino dceva che possedesse una cassetta piena di monete d’ oro ma il tesoro è rimasto sempre misterioso come pure il motivo per cui “vendeva pesce ma magnava polastri che spesso e vulentieri teneva a spingulò a le stanghe del cariolo!…” Stava agli Archi, un rione che si è sviluppato e valorizzato verso la fine dell’ ottocento con l’ apertura della Via Pia. “Pè la Fiera de Agosto a i Archi rivava un sfragelo de gente da i paesi vicini e dal contado pe girà intorno a le bancarele e magari cumprà qualcosa. Chi ciaveva cavali e caroze, li lasciava al Stalatigo de Santantò, ‘na specie de maxi-parchegio de quei tempi!
Eppò passamo per via Mamiani, ecco la storia de
BICHIERI’
Era una Guardia Regia, molto conosciuta in città, che purtroppo rimase uccisa in via Mamiani durante la rivolta dei Bersaglieri nel 1920. Il dottor Salvolini, visto che le sparatorie non cessavano e non era quindi possibile portare via il cadavere, innalzò il suo inseparabile bastone a cui aveva legato un fazzoletto bianco, si avvicinò al corpo di Bicchierì e gli fece alcune inizioni perchè non si decomponesse… per un momento i combattenti di ambo le parti cessarono il fuoco!
E adè proseguimo pel centro, qui c’ è
MERLO
Giu per via della Beccheria, un vigolo ch’ andava da Corzo Mazini a Piazza del Papa, c’ era El Merlo, che ciaveva la butega da feraro, la rivendita de garbò e l’ osteria, un omo attivo un bel po’! A la sera se sentiva da fori del magazì che butava broche d’ acqua sopra el garbò, come se indacquasse l’ inzalata, pè falo pesà de più!… E la gente diceva: Merlo…. piove? Al tempo del nevò del 29 tutti i garbonari avevane finito ogni riserva de garbò, ma ‘na dona inzisteva cul Merlo: ma nun pole esse che proprio Vò se rimasto senza!…. Nun ciavè manco quelo che puza de pisciu?!…
BINARIO e BINARIA
Erano marito e moglie ed abitavano in via del Calvario. Si racconta che un giorno erano passati in cantina con la figlioletta di tre anni in braccio; Binaria aveva appena ordinato un quartino di vino per tutti e due quando Binario si affrettò a rettificare: “Eh, no!… Un quarto no!… Mezu litru… c’ è ancora qula fiola!”…
CARLI’ EL BAVOSO
Con un “fiato” da più di 2 minuti , Carlì era fra i poghi che riuscivano a esplorare la chiesetta di San Clemente, sprofondata in mare davanti all’ Arsenale nella metà del secolo XVI, ma che era ancora intatta seppure popolata dai gronchi, pesci che mocigavane pericolosamente. Carlì fu protagonista di un comico episodio accaduto durante una processione in cui veniva portata la Madonna del Duomo lungo via Saffi. “Arivato quando la processio’ era un pezo avanti, st’ omo s’ è meso a cure cume ‘n mato tra la gente sventulando un mazo de fiori da campo e perchè el facessero passà urlava: el mazo pe la Madona!… Lì per lì la gente s’ è spaurita, chi s’ è salvato drento ai purtoni, chi ha svigulato sotumare, ma a la fine s’ ene capite l’ intenziò pacifighe de st’ omo che, rivato dala Madona, s’ è fato el segno de la croce e jà meso i fiori sopra al baldachì. Carlì el bavoso de solito biastimava come un turco, ma quando c’ era de mezo la Madona del Domo ancora lù diventava bon crestià!”
LUPO DE MARE
Era un pesonaggio singolare che viveva solitario e miseramente in una baracchetta vicino all’ Arco Clementino. “Tirava a campà cun qualche pesce che piava cu la lenza ala Rotonda in cumpagnia del cagnolì; ma se diceva ch’ era ‘n’ omo struito, sapeva ‘n saco de lengue furastiere, aveva spusato ‘na russa e po’ j era capitata ‘na disgrazia cu la nave che cumandava e s’ era ritirato a vive da solo”. Lungo i moli, dopo l’ Arco Clementino, c’ erano moltissime “bitte” per l’ ormeggio delle navi e delle imbarcazioni. Erano vecchi cannoni, “infilzati e murati” sul molo, che poi vennero sostituiti con le “bitte a poccia”. “D’i vechi canoni fu fata al porto ‘na catasta bela alta che un bel giorno è sparita, ma prò, senza fa sapè indò è ‘ndata a fenì!….”
CONTE CHICCHIO
Davanti al Caffè Grande Italia, all’ angolo Piazza Roma – Corso garibaldi, stazionava spesso un personaggio singolare: Leonardo Ameri, detto “Conte Chicchio”, elegante, brillante, spiritoso, magro….. una camminata tutta “stilè”. Portava un cappello molto vecchio “ma tuti j ani el riportava a Santineli pè fasselo rimodernà!” Di una bella giornata diceva: “lasciamoci baciar la fronte dal sole!” Alla domanda che lavoro facesse rispondeva sempre: “sò nato straco e vivo pè riposà!” Ma un giorno si trasferì a Milano e si mise a lavorare veramente; a chi gli domandava come avesse fatto a trovare quel buon posto, rispondeva: “Fiolo mio, pè la racumandaziò i t’ ò mandato n’ arcivescovo alto un metro e novanta… penza te
CHIAPALAMERDA
Era un negoziante di acheter viagra mercerie e bottoni con botega situata al corso Mazzini nei pressi della Piazza delle Erbe. Era noto specialmente ai ragazzi perchè vendeva la sparagina: una cordicella speciale che serviva per lanciare i pireli de legno.
CICAGO
Altro soprannome strano, attribuito al “fachì” Ragnetti, non si sa se in relazione all’ omonima città americana o….. ad altro. Abitava a “la Pegora” (via Isonzo) vicino al forno di Orlando Mandolesi ed alla villa della celebre modista Scarselli.
I CAVALIERI DE L’ URINALE
Un club dal nome così… cavalleresco e così originale di cui purtroppo non si sa di più della effettiva esistenza e dell’ insegna costituita ovviamente da un vaso da notte, “urinale”, usato a mò di elmo dai prodi cavalieri! “Se racconta de ‘na famosa cena d’ j associ, indò la pastasciuca fata in casa, c’ un sciugo speciale e rigagli de polo, sprofumata da lecasse i bafi e cul furmagio a stufo, fu servita drento a n’ urinale, unu a testa pr’ ogni invitato. La cosa, passato el primo mumento de schifeza, fu presa a ride e tutti s’ ingozavene de sta pastasciuca ch’ era veramente bona….. solo a la fine s’ è saputo che tuti i urinali erane novi meno uno che, sicome la butega nun ce n’ aveva più, era stato cumprato da Rumigò el straciaro,….. de segonda ma’!”
Ringrazio Alberto “Bebo” Bignami (una biblioteca Ancunetana ambulante) perchè senza il suo aiuto non avria mai potuto  realizzà ‘sto monologo e Giorgio Occhiodoro che senza le sue testimonianze questo lavoro non saria esistito e Pandolfi per il disegno della locanda de I cavalieri dell’ urinale e infine Francesco Nagni che se non me se presentasse alle 14 al ristorante mentre porto a tavola quei soliti piatti de tajatele, io non me sarìa mai sognato de calcà el palcoscenico dello Sperimentale.

ANCONA CENT’ ANNI FA

22, aprile 2013  |  Ancona  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

cialis notice https://www.acheterviagrafr24.com/acheter-viagra-sans-ordonnance/

http://www.cialisgeneriquefr24.com/cialis-yearly-coupon/ levitra price uk buy

Tra pesce e barzellette

21, aprile 2013  |  Ancona  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

viagra sans ordonnance

A CENA CON RANA

18, marzo 2013  |  Ancona  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

Ve la servo cuscì

Io non sarò quello che ve serve da magna’, stavolta, bensì quello che proverà a favve ride durante ‘sta allegra cenetta ideata dal mio amico Rinaldo. Indo’? Al POGGIO AGLI ULIVI (www.poggioagliulivi.com) Fraz. Montesicuro 215 -AN- 071 803423 – 347 0620607.

Venerdi 22 marzo ore 20.30

MENU’

Tagliere di salumi nostra produzione e formaggio pecorino con marmellata di melone

Insalatina mista di pollo su letto di rucola

Insalata di finocchi e arance – Polentina al cinghiale piccante Gobbi alla parmigiana

Fagioli con zampetti di maiale

Verdure miste saltate in padella

PO’ : Tagliatelle funghi pancetta e tartufo & Gnocchi co’ la papera

Grande grigliata della casa

Insalata verde e patate arrosto

Semifreddo al tiramisù o alla frutta

Caffe’ e amaro .

€ 30 compresi: ESINO DOC – ROSSO CONERO DOC – ROSATO dell’ Az. Vin. Berluti

Pane fatto in casa e focaccia rosm. e cipolla.

Ve ce aggiungo una barzelletta da pre-antipasto.

Uno parcheggia col Ferrari davanti a una farmacia. Da do’ sgassate e lascia la macchina in moto. Cala giù e entra in

farmacia, indo’ ce stanne 3 dottorini giovani giovani. Tutto spavaldo dice: ” Ciave’ el Viagra?”  “Scì” fa uno dei dutorini. “Me ne dia una scatola!” dice lù che intanto tastandose in tutte le saccocce e co’ ‘na faccia meravijata fa’: “… Porc… me so’ scordato el purtafojo intela machina!” “Prego lo vada a prende” fa uno dei 3. Questo monta intela macchina, chiude lo sportello, ingrana la prima e in do’ segondi è gia’ a 500 m. I dutorini se guardane a bocca a aperta come  3 ciambotti, mentre entra un vecchietto. Questo tutto timoroso fa a un fil de voce: “Ciave’ el Viagra?” “Scì” arfà uno dei dutorini. E el vecchietto sempre più timoroso e sempre più a un fil de voce: “Ma ‘sto Viagra…. funziona?”

“BE’ UN BEL PO’!'” dice uno dei dutorini. “Penzi che è venuto uno 10 minuti fà, ‘na cumprata ‘na scatola…. c’ ha inculato a tutti e 3!!!!!” :lol: :lol: