Interogazio’ a Pierino

24, gennaio 2011  |  Barze, Se Ride  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

La maestra interoga a Pierino: “SU UN RAMO DE UN ALBERO CE STANNE OTTO UCCELLI, ARIVA UN CACCIATORE CHE SPARA E NE ‘MAZZA UNO. QUANTI UCCELLI ARMANE?” “NISCIUNO SIGNORA MAESTRA” fa Pieri’ al volo. “COME NISCIUNO?” “SCì SIGNORA MAESTRA, PERCHè EL CACCIATORE COL BOTU DELLA SCHIOPPETTATA FA FUGGI’ TUTTI QUL’ ALTRI”. “PIERI’, LA RISPOSTA ESATTA SARIA SETTE MA BRAVO UGUALE, ME PIACE COME RAGIONI!” Allora Pierino fa alla maestra: “JE POSSO FA ‘NA DUMANDA IO?” “SCI’ ” fa la mestra un po’ imbarazzata. “INT’ UNA PANCHINA CE STANNE TRE DONNE CHE SE STANNE A GUSTA’ UN GELATO:

UNA EL MOCCIGA, UNA EL LICCA DELICATAMENTE AI LATI E UNA EL CIUCCIA…..QUAL E’ QUELLA SPUSATA?” La maestra, roscia infraganata, je arisponde: “QUELLA CHE’ L CIUCCIA?”  ”NO” je fa Pieri’: “LA RISPOSTA GIUSTA SARIA QUELLA CHE PORTA LA FEDE PERO’ BRAVA SIGNORA MESTRA, ME PIACE COME RAGIONA!!!”  :mrgreen:

Cielo mio marito!!

17, gennaio 2011  |  Barze, Se Ride  |  2 Commenti  |  Condividi su:

"te guarda cosa me tocca fa'"

Enne le 9 della mattina, enne tutti e do’ drento al letto quando all’ impruviso -trakk…trakk- la chiave intela seratura….. “CIELO MIO MARITO!!” fa lìa. Allora lu’ cure per ficcasse sotta al letto e lìa “NO SOTT’ AL LETTO NO CHE E’ EL PRIMO POSTO CHE VA A GUARDA’ “. Allora lu’ fa pe’ imbugasse dietro ‘na tenda e lìa “NO DIETRO LA TENDA NO CHE TE SBUGA DE FòRI PIEDI. STA A SENTI’ FA ‘NA ROBA VA INTEL SALO’ E METTETE A STIRA’ QULA MUNTAGNA DE CAMIGIE CHE TROVI, CHE E’ MEJO CHE CE PENSO IO”. El marito entra e va in camera, vede la moje e je fà: “CIAO CARA HAI VISTO CHE SORPRESA, M’ E’ ‘NDATA A MONTE LA RIUNIO’ E SO’ ARTORNATO PRIMA.  SENTE SCUSA MA CHI E’ QULU’ CHE STA A STIRA’ LE CAMIGIE MIE IN MEZZO AL SALO’ ?” E lìa: “GNENTE E’ CHE S’ E’ SENTITA MALE LA DONNA E ALLORA HA MANDATO EL NIPOTE. HA DETTO CHE E’ BRAVO UN BEL PO’ ! Verzo le 4 del pumeriggio, finite de stira’ tutte le camigie dichiara: “HO FINITO, ALLORA VAGO VIA?” “SCI, SCI” arisponde lìa “ME SO MESA D’ ACCORDO CO’ ZIA CHE REGOLO TUTTO CU’ LìA”. Lu’ saluta e sgappa. Come pìa giù pe’ le scale cumincia a biastima’ in tutte le lingue del mondo. Quando ariva davanti al purto’ del palazzo s’ incrocia co’ n’ amigo sua che je fa: “CIAO, COSA CE FAI QUI?” E lu’: “STA ZITTO! NUN ZAI COSA M’ E’ SUCCESSO! ERO SU DE SOPRO AL SEGONDO PIANO PIANO CO’ UNA DRENTO AL LETTO. ME MANCAVA UN CAPELLO QUANDO NUN TE ENTRA EL MARITO!! GNENTE M’ HA MESO INTEL SALO’ A STIRA’ UNA MUNTAGNA DE CAMIGIE….. SARANNE STATE UN CENTINARO! ” J’ arisponde l’ amigo de staccata: “ERANE 137, L’ HO LAVATE TUTTE IO IERI SERA!!!!”  :-)  

Un reading tutto da ridere

9, gennaio 2011  |  Ancona, Se Ride  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

io me sbrigherìa

A te nun te parerà vero caro Ancuneta’, ma ‘sta cullaborazio’ mesa in piedi in quattro e quattr’ otto con Marco Traferri (Trafèri in ancuneta’) ha suscitato un pulvero’! Per giogo el 30 nuvembre scorzo avemo, int’ una settimana, buttato su un “Ridinghe” basato sul libro Sarai belo te, scritto da qul fenomeno che vede’ qui sotto.

Imbe’, come ve dicevo, un sacco de gente che ama ancona e l’ ancuneta’ ha gradito st’ idea. Allora visto che ancora una decina de mila de utenti facebook hanne riso guardando el video del “Ridinghe”, ce semo detti: “Perché non ne famo un altro?” E cuscì se clicche’ qui ve pute’ guarda’ il piccolo promo che avemo fatto dentro a un baretto. I bar e i ristoranti è i posti indo’ a me a Marco ce piace riunicce…..

…. e ecco come va regolarmente a fini'

Prenotevve a tira’ via perché i posti è ‘rmasti poghi e solo in piedi. Ce se vede martedì 18 gennaio 2011 alle ore 7 de sera da Blumouse Computer in via Martiri della Resistenza, 32.

Do’ robe ve garantimo: un’ oretta da ride e non se paga un bocco. (che pe’ un ancuneta’ non è pogo!)

Per noialtri ma soprattutto Voialtri che amamo Ancona e la sua fantastica lingua andève a guarda’ cos’ è successo appunto martedì 30 nuvembre 2010.

Che poker!

6, gennaio 2011  |  Calcio Dorico, Sport  |  Nessun Commento  |  Condividi su:

US ANCONA  4 VIS PESARO 0

Bòna Befana Popolo Biancoroscio. Oggi pumeriggio, co’ ‘na temperatura che non se pole defini’ tiepida, i nostri beniamini hanne strapazzato quei pòri disgraziati de Pesaro. Loro ‘ntei primi minuti non è che non c’ hanne provato ma el livello era veramente scarzo! Po’ c’ ha penzato “nonno” Pesaresi a impenzierilli co’ ‘sta punizio’.Dopo pogo, anzi quando già qualcuno aveva cominciato a alzasse pe’ andasse a spara’ el turchetto dell’ intervallo arriva qul’ altro nonno che meritatamente e meravigliosamente ce fa chiude el primo tempo in vantaggio de un gol. Sto a parla’ del còre puro de ‘sta formazio’: Giammarco Malavenda. (Do’ gol in 3 giorni!)Intel segondo tempo era un film già visto. Loro, molto scarzi, dovevane prova’ a fa’ qualco’, ma è stato l’ inizio della fine! A parte che qualche giogatore del Pesaro se voleva porta’ a casa a tutti i costi la nostra bella maja blu ‘taccandocese fino allo sventolìo del cartelli’ giallo. Po’ però un cartelli’ da giallo è diventato roscio e Mattia Santoni s’ è dovuto accomoda’ sul dischetto. Il tutto pogo dopo un’ altra bella punizio’ sempre de nonno Pesaresi. La storia del terzo gol vede n’ altra volta prutagonista el magico Mattia Santoni che se magna i Pesaresi come i turòni e i panettoni a Natale.       Siccome se parlava de poker, c’ è stato pure el tempo che qul giugatori’ che se nasconde dietro el nome de Genchi ha voluto dimostra’ che non è venuto qui per fa’ le chiacchiere! Difatti alla terza partita che gioga co’ l’ US Ancona enne quattro i gol mesi in carniere. El quarto appunto è questo contro el Pesaro dopo la duppietta co’ la Biagio e quello contro la Fermana. E bravo Peppi’     Tanto perchè siccome era caldo qul fenomeno dell’ arbitro ha concesso quattro minuti de recupero quando era già da un quarto d’ ora abundante che le do’ squadre giogavane a passaggi e c’ era una squadra – l’ US Ancona – che era in vantaggio de 4 gol. E intanto, alle 4 e mezzo del pumeriggio al Del Conero, dal freddo cominciava a casca’ le prime recchie! Comunque è finito tutto be’ sotto le note dell’ Aida e il saluto alla curva dove campeggiava uno striscio’ in ricordo del tifoso-guerriero Rocky.