Chi è Rana?

Eccomi!!!

Falconara 21/10/10

Mi chiamo Stefano Ranucci (ave’ capito perché Rana?). Sono nato – non ce credere’ nisciuno – a Jesi!! Anche se ve devo di’ che c’ è nata che gente che je fuma e je fumava parecchio: Federico segondo, Pergolesi e pure qul simpatigo’ de Mancini. Andamo avanti sennò non finimo più. Dopo svariate capriole intorno all’ età de 4, 5 anni me duvrìa esse trasferito definitivamente a Ancona perché me ricordo che el primo de utobre del ’67 (san Remigio) ho cominciato a fa’ la prima elementare alle Nazario Sauro. Dopo svariati anni (sciguro molti de più de quelli che ce volevane effettivamente) so’ riuscito a pia’ qul famosissimo e indispensabilissimo fojo de carta: diploma de ragioneria e tecnica aziendale. Ho preso 38/60 e tra elementari e medie e superiori ho fatto 15 anni de scola. Per me me meritavo pure la laurea!! Dopo el militare, do’ mesi a Pesaro car e car avanzato e Bologna per qul’ altri 10 mesi indo’ tra’ l’ altro e successa pure la frana de Pusatora che m’ ha fatto pia’ 15 giorni de licenza straordinaria ho provato a comincia’ a fadiga’. Parlamo che me so’ congedato a agosto del 1983 e c’ avevo 21 anni. Come pude’ capi’ la voja era poga. Dopo anni de cighe de mi’ padre finalmente ho capito che io dovevo fa’ el cameriere. Me so’ fatto i primi ossi a Marotta gestendo un albergo con annesso bar https://www.viagrasansordonnancefr.com/viagra-cialis/ e ristorante po’ https://www.acheterviagrafr24.com/prix-du-viagra/ per tutta una serie de storie oltre ché a Marotta ce sta chi ha ammazzato el padre e la madre, so’ ritornato a Ancona. Ho cominciato guasi subito a fadiga’ da Gigetto a Polverigi indo’ e successa la svolta della vita. Ho rincontrato Federico Maria Marrazzo che ce conoscemi da fiòli e m’ ha portato sildenafil pfizer prix online a prova’ intela trasmissio’ più in voga dell’ epoca che conduceva insieme al “socio” Alvin su https://www.acheterviagrafr24.com/prix-du-viagra-en-pharmacie/ Radio Arancia: I flagelli d’ Italia. Imbe’, dopo i personaggi de Vanessa, de Ultimo minuto, de Vannucci e el Passante e svariati Oli su tela e rielaborazioni delle pubblicità e via discorendo cos’ ho scoperto? Che ‘sto accento anconetano piaceva un bel po’ e che la gente me voleva be’. E allora ho continuato a damme da fa’ fino a che a un certo momento me so’ innamorato del teatro in vernacolo. E qui c’ ho avuto https://www.viagrasansordonnancefr.com/viagra-en-pharmacie/ l’ immenso piacere de lavora’ con Gianfranco Giacchetta nelle sue do’ commedie La chiave d’ oro, ambientata int’ un casi’ giu’ al porto e L’ assedio de Ancona: l’ antefatto, rappresentata a Piazza del Papa. Che soddisfazio’!!!  Intel frattempo avevo conosciuto Sandro Angeletti a un torneo de beach volley in Piazza Pertini che me fece ‘sta pruposta: “perché non scrivi do’ cojonerie sullo sport Ancunetano?” E’ cuscì che me so’ trvato a scrive prima su Ancona Sportiva, po’ su Piazza e infine sul Corrie….. sul Bugiardo’ con una rubrica settimanale  sullo sport e una sulla cronaca. Una piccola rubrichetta pure sul programma de Andrea Fiano sull’ Ancona indo’ leggevo le mie personalissime pagelle. Po’ m’ è successo pure che un giorno Gianluca Barbadori, altro regista Ancuneta’ me telefona e me fa: “Te e Toppi (Andrea) dove’ fa’ una disfida de barzellette. Cusci’ è nata “La disfida di barzelletta” indo’ io el socio mio cumbattemi a colpi de barzellette e el pubblico magnante e bevente votava quello che je faceva più ride. Un successo’. Ade’ però ho mandato tutti a fadantelculo sape’ perché? Per esse qui solo per voialtri e buon divertimento. Ciao