‘Na battuta de caccia

24, gennaio 2012  |  Barze, Se Ride  |  Condividi su:

 

 

 

Un conte e el suo fattore vanne a fa’ una bella battuta de caccia intela riserva de lu’ (del conte e de chi?). Dopo pogo già non sapevane più indo’ mette i lepri viagra sans ordonnance e i fagiani che avevane preso allora decidene de artorna’ a casa. Entrati intel castello del conte, questo dice al fattore: “Non è che me vieni a da’ na’ ma’ a levamme i stivali? Accompagname in camera”. Appena opre la porta della camera e non te trova la moje (la cuntessa) a gambe per aria intel letto sotto lo stalliere? El fattore fa’ per passaje el fucile chè s’ aspettava ‘na carneficina quando invece el conte pia el fucile, el poggia per tera tipo basto’ e fà: “Fedifraga, concubina. Tremo e fremo di sdegno. Ti lascio madre dei Gracchi e ti ritrovo una volgare Messalina. E tutto il resto che devo dirti mi rimane tutto nella strozza!” Davanti a ‘sta scena el fattore artorna verso casa e diceva tra sè e sè che gran signore era al padro’ suo. Arriva a casetta e mentre chiama la moje per fasse aiuta’ a levasse i stivali pure lu’ e non la trova intel letto sempre a gambe per aria sotto al pegoraro! Capirai! Imbraccia el fucile ma all’ improvviso je vie’ in mente del conte e allora poggia el fucile per tera e je fà: “Fufografa, cuntadina. Treno e freno de legno. Te lascio curnacchia madre de cric e croc e te ritrovo una vulgare da Messina. E tutto el resto che te devo di’ m’ è rimasto tutto qui STRONZA!”


Ti potrebbero interessare:

 

Lascia un commento