Cielo mio marito!!

17, gennaio 2011  |  Barze, Se Ride  |  Condividi su:

"te guarda cosa me tocca fa'"

Enne le 9 della mattina, enne tutti e do’ drento al letto quando all’ impruviso -trakk…trakk- la chiave intela seratura….. “CIELO MIO MARITO!!” fa lìa. Allora lu’ cure per ficcasse sotta al letto e lìa “NO SOTT’ AL LETTO NO CHE E’ EL PRIMO POSTO CHE VA A GUARDA’ “. Allora lu’ fa pe’ imbugasse dietro ‘na tenda e lìa “NO DIETRO LA TENDA NO CHE TE SBUGA DE FòRI PIEDI. STA A SENTI’ FA ‘NA ROBA VA INTEL SALO’ E METTETE A STIRA’ QULA MUNTAGNA DE CAMIGIE CHE TROVI, CHE E’ MEJO CHE CE PENSO IO”. El marito entra e va in camera, vede la moje e je fà: “CIAO CARA HAI VISTO CHE SORPRESA, M’ E’ ‘NDATA A MONTE LA RIUNIO’ E SO’ ARTORNATO PRIMA.  SENTE SCUSA MA CHI E’ QULU’ CHE STA A STIRA’ LE CAMIGIE MIE IN MEZZO AL SALO’ ?” E lìa: “GNENTE E’ CHE S’ E’ SENTITA MALE LA DONNA E ALLORA HA MANDATO EL NIPOTE. HA DETTO CHE E’ BRAVO UN BEL PO’ ! Verzo le 4 del pumeriggio, finite de stira’ tutte le camigie dichiara: “HO FINITO, ALLORA VAGO VIA?” “SCI, SCI” arisponde lìa “ME SO MESA D’ ACCORDO CO’ ZIA CHE REGOLO TUTTO CU’ LìA”. Lu’ saluta e sgappa. Come pìa giù pe’ le scale cumincia a biastima’ in tutte le lingue del mondo. Quando ariva davanti al purto’ del palazzo s’ incrocia co’ n’ amigo sua che je fa: “CIAO, COSA CE FAI QUI?” E lu’: “STA ZITTO! NUN ZAI COSA M’ E’ SUCCESSO! ERO SU DE SOPRO AL SEGONDO PIANO PIANO CO’ UNA DRENTO AL LETTO. ME MANCAVA UN CAPELLO QUANDO NUN TE ENTRA EL MARITO!! GNENTE M’ HA MESO INTEL SALO’ A STIRA’ UNA MUNTAGNA DE CAMIGIE….. SARANNE STATE UN CENTINARO! ” J’ arisponde l’ amigo de staccata: “ERANE 137, L’ HO LAVATE TUTTE IO IERI SERA!!!!”  :-)  


Ti potrebbero interessare:

 

2 Commenti


  1. Ero al Blumouse il 18 gennaio, forte, me so sbudellato dale risate, a squaquarà.
    Però vorria ricurdà che c’enne diferenti modi de parlà ‘n te la stesa cità.
    Mi nonno (classe 1896) me racuntava che c’era diferenza tra ‘l parlà dej arcaroli e i capedemontesi !
    Per la coniugaziò dej verbi agiungo che presempio “loro piava” se podria dì pure “loro piavane” opure “loro piavene”.
    “nialtri erimi” podria esse pure “niantri eravami”, è importante…

    La prosima volta saria interesante de cunfrontà i vari modi de dì coinvolgendo el publico e stabilì le varianti rionali.
    Bruscioli e briscioli
    Bichicchia e bicicchia
    etc ….

    Forse nun tuti sanne che l’ancunetà de periferia, quasi campagna risente del gallo-italico de provenienza da Senigja fino a Camerà e che cià na diferenza cun l’ancunetà del portu, dej archi, anche se oramai se dovria dì che ciaveva na diferenza.
    L’ancunetà del portu cià pure i “venetismi” e i “francesismi”, mì nono del 1896 diceva “è tombato per tera” (tomber = cadere) per dire caduto a terra…. pure el Boringhieri, adotato dala Cà Foscari de VEnezia cita i venetismi dell’anconetà e in parte del senigajese, forse stamo a sentì quasi j’ultimi, comunque qualcò sopraviverà.

  2. grande Rana!!
    l’ho letta a mi moje che ancora ride
    eheheheh
    :)

Lascia un commento